Matrimonio alla Certosa di Pavia, le nozze civili costano 5.000 euro

certosa di pavia nozzeCinquemila euro per un matrimonio alla Certosa di Pavia. Il prezzo delle nozze civili sul piazzale di uno dei monumenti più visitati della Lombardia è stato fissato da Marcello Infurna, il sindaco del Comune che si trova a pochi chilometri dal capoluogo, secondo quanto riporta il quotidiano La Provincia Pavese. Per il matrimonio celebrato davanti al monastero si dovranno pagare dunque 5.000 euro; 1.500 euro se invece gli sposi che si “accontentano” di vivere il momento più bello della loro vita in un antico cascinale della zona, trasformato in ristorante o in agriturismo.

Appena giunta e consiglio comunale avranno dato l’ok, saranno messi a disposizione altri tesori del paese, oltre la Certosa, fatta costruire da Gian Galeazzo Visconti come voto alla Madonna se fosse andata a buon fine la seconda gravidanza della moglie dopo la morte del primo figlio a pochi mesi dalla nascita. Anche il secondo neonato non ebbe fortuna ma la moglie sopravvisse. Alla fine del 1300 cominciarono i lavori e per completarli ci vollero quasi due secoli.

La Certosa è un gioiello che presenta diversi stili, dal tardo-gotico italiano al rinascimentale. Ogni anno centinaia di migliaia di turisti (provenienti da tutta Italia e anche dall’estero) visitano la Certosa di Pavia: un flusso che si ritiene possa addirittura aumentare l’anno prossimo, in occasione di Expo 2015. E molte coppie che si sposano a Pavia o in altri comuni della zona, vanno inevitabilmente alla Certosa per scattare le foto che poi arricchiranno l’album di nozze. Per tutte queste ragioni il sindaco Infurna, con il sostegno della sua giunta, ha pensato bene di lanciare le “nozze alla Certosa” un piccolo business che serva a rimpinguare le casse del Comune.

“Nessuna speculazione – spiega il sindaco – ma in questo modo vogliamo valorizzare i nostri tesori e mantenere bassa la pressione fiscale sui cittadini del Comune”. Secondo i conti fatti dagli amministratori, l’operazione, spiega il quotidiano, “porterebbe nelle casse municipali almeno 20mila euro“. “È chiaro che si spera di incassare una cifra più consistente – dice il primo cittadino –. In ogni caso i residenti avranno una tariffa privilegiata se decideranno di sposarsi nel piazzale e continueranno a non pagare nulla se opteranno per la sala consiliare”.

Chi non abita a Certosa invece pagherà anche se sceglierà i più modesti locali municipali. In attesa che tutto venga formalizzato da una delibera, riporta La Provincia Pavese, gli uffici si stanno preparando a capire quali saranno le spese che dovrà sostenere il Comune per le celebrazioni sul piazzale del monastero. “E’ indubbio che l’organizzazione comporterà una serie di costi e che l’ente comunale non dovrà perderci – sottolinea Infurna al quotidiano –. I matrimoni si potranno celebrare tutto l’anno, ma nel periodo invernale ci saranno anche le spese per il noleggio della tensostruttura e poi va organizzata la gestione degli accessi, in quanto va garantito il passaggio ai turisti e, nello stesso tempo, va assicurata la privacy agli sposi. Cercheremo di offrire un’ampia gamma di servizi, in base ai quali si dovrà calibrare il prezzo”.

L’obiettivo – aggiunge il sindaco – è valorizzare il piazzale che per troppo tempo si è trovato in una situazione di degrado”. E’ in dirittura d’arrivo l’accordo con i quattro privati che hanno intenzione di mettere a disposizione un’area dove celebrare il matrimonio civile. Si tratta dell’Antico Borgo, I Granai, la Locanda Vecchia Pavia, Cascina Fiamberta. La via è quella della tutela e valorizzazione del patrimonio architettonico e naturalistico, sul modello del piccolo centro milanese di Cassinetta di Lugagnano che aveva portato avanti, con successo, la politica del recupero dell’esistente.

Gli intenti della valorizzazione turistica del sito posso essere anche condivisibili, ora vedremo in quanti celebreranno il loro matrimonio alla Certosa di Pavia a partire da 5.000 euro.

Panorama Sposi

Web magazine sul mondo del wedding. mail: info@panoramasposi.it

No Comments Yet

Commenta

NEWSLETTER

Cliccando su ISCRIVITI autorizzi al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs 196/2003 e dichiari di aver letto l'informativa privacy.

Vieni a trovarci anche su: