Pescara, via libera alle nozze in spiaggia con “Wedding on the beach”

matrimonio in spiaggia allestimentoNella primavera del 2015 gli sposi pescaresi potranno scegliere il mare come “set” per il loro matrimonio con rito civile, per romantiche nozze in spiaggia. Nella città abruzzese infatti, da aprile, un tratto di litorale del capoluogo potrà accogliere le cerimonie finora celebrate solo in municipio.

Con il progetto “Wedding on the beach” Pescara è il primo Comune in Abruzzo e uno dei pochi in Italia (insieme a Fiumicino, Rimini, Caserta e Sardegna) a rendere possibile quello che per molti è un sogno. E cerca, nel contempo, di dare impulso al turismo contribuendo, magari, a risanare le casse. Con 500 euro per i residenti e 600 per i non pescaresi si potrà allestire la cerimonia sull’arenile poco distante dal portocanale su cui svetta il Ponte del Mare, che da pochi anni ha cambiato la skyline della città.

Un camminamento mobile, pedane, gazebo e palme – il tutto approvato da Capitaneria e Agenzia del Demanio – accoglieranno sposi, invitati e il celebrante, che potrà essere il sindaco, un assessore, un consigliere comunale o un delegato del Comune (quindi anche un amico degli sposi con apposita delega).

La giunta guidata dal sindaco Marco Alessandrini ha già varato l’iter amministrativo avvalendosi del Dpr 396/2000 che permette alle Amministrazioni comunali di istituire uffici separati di Stato Civile: sono stati individuati come ufficio staccato il Museo del Mare e come sua pertinenza la spiaggia della Madonnina.

“Vogliamo dare la possibilità alle coppie che decidono di non sposarsi con rito religioso di realizzare un sogno – ha spiegato l’assessore ai Servizi Anagrafici e Demografici, Sandra Santavenere – Contiamo così anche di incrementare le entrate comunali. In un momento di difficoltà come quello che il Comune di Pescara sta attraversando (è stata avviata la procedura per il riequilibrio finanziario pluriennale, ossia “dissesto controllato”) questa diventa anche una risorsa per l’Ente”.

Una formula che, ha ricordato Santavenere, ha incontrato un grande successo altrove. “Siamo al lavoro per conquistare altre location già per l’estate, dai parchi ai musei, al fine di aprire la città a nuovi modi per dare servizi su richiesta, nonché promuoversi e raccontarsi, valorizzando al meglio il patrimonio architettonico, storico, ambientale e culturale”.

Panorama Sposi

Web magazine sul mondo del wedding. mail: info@panoramasposi.it

No Comments Yet

Commenta

NEWSLETTER

Cliccando su ISCRIVITI autorizzi al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs 196/2003 e dichiari di aver letto l'informativa privacy.

Vieni a trovarci anche su: