Il matrimonio solidale, tendenza o stile di vita?

matrimonio solidale

Già realtà pienamente consolidata oltreoceano e nei Paesi del Nord Europa, il fenomeno del ‘matrimonio solidale‘ sta prendendo piede anche in Italia, e sono sempre di più le coppie in procinto di sposarsi che scelgono di approfittare del grande giorno per lanciare un messaggio di solidarietà e comprensione, nonché spesso un aiuto concreto, nei confronti di chi vive una situazione di disagio; ogni aspetto del matrimonio, dall’invio delle partecipazioni all’abito da sposa, dalle bomboniere alla lista nozze, può essere contraddistinto da un messaggio di solidarietà.

In effetti, questo nuovo modo di vivere il matrimonio iniziò proprio con le ‘liste nozze solidali’, così chiamate perché i futuri sposi scelgono di rinunciare ai regali e di devolvere l’equivalente del loro prezzo in beneficenza.

Hanno poi fatto la loro comparsa i cosiddetti ‘ricevimenti solidali‘, organizzati in strutture che in un modo o nell’altro favoriscono i più sfortunati, assumendo magari tra il proprio personale ex-detenuti desiderosi di reintegrarsi e persone che stanno uscendo dalla tossicodipendenza, o donando parte del ricavato ai bisognosi.

Si può poi scegliere un servizio di ‘catering solidale‘, affidato cioè ad organizzazioni che danno lavoro a persone diversamente abili, e che seguono la filosofia della ‘alimentazione responsabile’: vengono serviti esclusivamente prodotti ‘a chilometri zero’ e biologici, mentre piatti, posate e persino la carta del menu è realizzata in prodotti riciclabili o biodegradabili, il tutto senza ovviamente sacrificare la qualità dei servizi ricevuti e nemmeno rinunciare all’originalità delle proprie nozze.

Anche quello che è da sempre uno dei simboli del matrimonio, ovvero le bomboniere, può costituire un originale omaggio degli sposi ed un’occasione per aiutare chi è più sfortunato di noi. Le bomboniere di associazioni come La Lega del Filo d’Oro, realizzate con il contributo di persone sordo-cieche, possono essere un regalo solidale e un’occasione per offrire una possibilità di integrazione e di maggiore autonomia alle persone con disabilità.

Ma anche i dettagli possono essere contraddistinti da una buona dose di solidarietà ed essere occasione per dare un segnale di rispetto per l’ambiente: le partecipazioni possono per esempio venire realizzate da persone disabili, le riprese fotografiche affidate ad agenzie che devolvono parte del ricavato a progetti benefici, e persino la scelta dell’abito da sposa può essere improntata dalla sensibilità nei confronti dell’ambiente, prediligendo prodotti realizzati nel pieno rispetto della natura. Si può poi pensare di organizzare gli spostamenti su un unico pullman per tutti gli invitati, così da ridurre al minimo l’emissione di sostanze nocive.

Un capitolo a parte merita il viaggio di nozze: sempre più coppie scelgono infatti per la propria luna di miele soluzioni che sposino appieno la filosofia del ‘turismo sostenibile’, così lontano dai viaggi all’insegna del lusso ai quali siamo abituati. Scegliere un viaggio di nozze solidale significa vivere un’esperienza che abbia come priorità la scoperta e la conoscenza della realtà locale, mettendo da parte il divertimento sfrenato.

I ‘viaggi sostenibili’ sono infatti organizzati nel pieno rispetto dell’ambiente e della comunità che ci ospita, assicurandosi ad esempio che i proventi del viaggio di nozze finiscano per beneficiare la comunità intera e non per arricchire solo pochi imprenditori. In risposta alla crescente domanda di soluzioni di questo tipo, molti operatori hanno moltiplicato la propria offerta, e propongono viaggi solidali in ogni angolo del pianeta.

L.K.

Panorama Sposi

Web magazine sul mondo del wedding. mail: info@panoramasposi.it

No Comments Yet

Commenta

NEWSLETTER

Cliccando su ISCRIVITI autorizzi al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs 196/2003 e dichiari di aver letto l'informativa privacy.

Vieni a trovarci anche su: