Il ballo degli sposi, coreografia tutorial per una festa indimenticabile

Coreografia per il ballo degli sposi: sì o no?

Temete che un ballo degli sposi tradizionale e un eccesso di romanticismo possano annoiare i vostri ospiti e inficiare il momento del ballo – tanto atteso per voi – e così state pensando di organizzare qualcosa di diverso, ma non sapete cosa.

Bene, ho la soluzione  ai vostri dilemmi.

Avete presente lo sposo ballerino che fece impazzire il web?

Sì, proprio quel ragazzone americano che, con amici e testimoni, e  all’insaputa della sposa e degli invitati, sorprese tutti con una coreografia sulle note delle loro canzoni preferite?

Ecco, lui appunto.

Se avete organizzato tutto del vostro matrimonio, ma volete aggiungere quel “quid” per rendere la festa delle vostre nozze unica, divertente e indimenticabile, potreste cimentarvi in una piccola coreografia di passi sulle note delle vostre canzoni preferite.

Ora, la parola “coreografia” potrebbe spaventare un po’ anche i ballerini più avvezzi, ma come dico sempre, calma e niente paura.

Si può fare una bella figura anche con dei passi e dei movimenti semplici, anzi può essere anche più divertente e piacevole.

L’importante è essere tutti a tempo.

E rispettare poche e semplici regole.

Le regole per la perfetta coreografia ballo sposi e dintorni.

Procediamo per ordine.

Primo step: il casting

Prima di tutto, dovrete scegliere se mettere su una coreografia per ballare con il vostro partner o per ballare in compagnia di più persone.

Tra i possibili futuri ballerini potreste scegliere fra amici, testimoni, mamme e suocere, insomma fra chi secondo voi ha un po’ di senso del ritmo nel sangue.

A questo punto potreste optare se preparare un’autentica sorpresa per il vostro/a consorte come il protagonista del video, o prepararvi tutti insieme per stupire i vostri ospiti.

A voi la scelta.

Secondo step: scegliere il momento giusto.

Dopo aver effetuato il “casting”, dovrete scegliere il MOMENTO giusto secondo voi per introdurre la vostra performance.

Il momento più opportuno dovrete sceglierlo voi e organizzarvi bene con il dj o con il proprietario del locale: al momento del vostro ballo o prima del taglio della torta o durante la festa vera e propria danzante e via dicendo.

Sconsiglio vivamente una sorpresa coreografica del genere solo all’entrata della sposa: sarebbe un vero peccato alterare la solennità di quel momento che, a mio parere, deve restare idilliaco e romantico.

Terzo step: individuare lo spazio giusto.

Eh sì.

Non è che si inizia a ballare così su due piedi in qualunque posto dove addirittura per mancanza di spazio si tira inavvertitamente un calcio al cameriere che passa.

Eh no!

Deve essere tutto iperorganizzato, dalla coreografia al momento allo spazio scelto.

Uno spazio ampio, la pista da ballo o una parte di giardino vicino al taglio della torta, se avete scelto questo momento, e ben illuminato.

Il top sarebbe essere illuminati da apposite luci da disco se è presente il dj.

Sicuramente, per carità, assolutamente non in mezzo ai tavoli dei vostri invitati!

coreografia sposi ballo
Il primo ballo degli sposi

Quarto step: scegliere la musica giusta

Può essere una sola canzone o un mix di pezzi che hanno un significato particolare per la vostra storia.

Qualunque sia la vostra scelta, evitate di  mettere in piedi una coreografia troppo lunga e noiosa. Il mix di più canzoni con passi relativamente semplici e spiritosi potrebbe essere la soluzione perfetta.

Non dimenticate di chiedere aiuto al dj, se ne ingaggiate uno per il matrimonio, o al vostro amico esperto per mixare e creare la colonna sonora perfetta per la vostra coreografia.

E non abbiate paura se non sapete da dove iniziare, il web è pieno di tutorial di coreografie più o meno semplici da poter usare per la vostra perfomance.

Se, ad esempio, volete restare sul tradizionale, ecco qui selezionato per voi un tutorial sulle note di “Marry you” di Bruno Mars.

Se invece volete qualcosa di più attuale e divertente, potreste optare per “Just some motion“, quella dello spot della Tim per intenderci.

Il ballerino Sven Otten svela passi, trucchi e segreti in questo tutorial e simili, persino il passo che sembra più complicato, puo’ diventare alla portata di tutti.

In ogni caso, quello che vi consiglio è di non andare mai oltre i propri limiti e di inserire sempre passi in cui vi sentiate veramente sicuri e a vostro agio.

Quel giorno l’emozione sarà tanta e iniziare bene  e finire con una buone dose di ironia è la chiave vincente per la buona riuscita di una performance.

Insomma, ballate e divertitevi prima di tutto voi e si divertiranno anche gli altri.

E allora, che aspettate?… 5,6,7,8… si va in scena!

Stefania Boemi

nozze Fai da te e decor

diy@panoramasposi.it

No Comments Yet

Commenta

NEWSLETTER

Cliccando su ISCRIVITI autorizzi al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs 196/2003 e dichiari di aver letto l'informativa privacy.

Vieni a trovarci anche su: