Il matrimonio estivo di Irene e Andrea

Per la Rubrica Real Wedding oggi ci avventuriamo in un bellissimo matrimonio estivo, fatto di colori caldi e accesi, come il giallo, il rosso e l’arancione.

Gli amici, la famiglia e una cerimonia all’aperto sono gli ingredienti delle nozze di Irene e Andrea, due giovani ragazzi di Milano.

Io e Andrea ci siamo conosciuti in palestra, dove io facevo la segretaria e lui lavorava come istruttore di fitness.

Inizialmente eravamo entrambi già occupati, ma per me è stato subito ovvio che con lui c’era un’affinità elettiva che non avrebbe permesso che restassimo separati.

Così, dopo esserci guardati da lontano per un paio di anni, alla fine abbiamo lasciato entrambi i nostri rispettivi compagni per stare insieme.

Dopo quasi quattro anni il matrimonio, a settembre 2016.

La proposta me l’ha fatta il giorno del mio compleanno dell’anno precedente, a novembre, con un magnifico solitario luccicante che, spesso e volentieri, mi ritrovo a fissare imbambolata e pensare a quanto brilla!

Il mese di settembre l’ho proposto io perché ho sempre pensato che fosse il momento dell’anno migliore per passare una giornata di festa all’aria aperta senza soffrire il caldo.


È il mese che più mi piace dell’anno, c’è sempre una luce particolare e i colori dell’estate iniziano a cambiare verso i toni caldi dell’autunno.

Il matrimonio estivo di Irene e Andrea: l’organizzazione

La location è stato un vero colpo di fortuna! Villa Gromo di Ternengo è una villa storica settecentesca, immersa in un parco immenso che si affaccia sul naviglio di Robecco.

La proprietaria è la cugina di una mia cara amica e, una volta visitata la prima volta, non c’è stato alcun bisogno di mettersi a cercare alcuna alternativa.

Il matrimonio lo abbiamo organizzato tutto noi. Non è stato sempre facile, ma il risultato finale ci ha ripagato degli sforzi! Le difficoltà le abbiamo incontrate soprattutto perché, non avendo mai organizzato un evento del genere, tante cose a cui si deve pensare e che vanno organizzate nemmeno ci erano passate per la testa.

Ma, poco a poco, il nostro matrimonio estivo ha preso forma.

Il fiorista ce lo ha consigliato la padrona della villa, che spesso collabora con lui: Livio Fagnani, davvero un professionista; ha realizzato addobbi perfetti e di grande effetto.

I colori che abbiamo scelto sono quelli caldi e, quindi, rose arancioni, lilium gialli e bacche di iperico rosse.

Il bouquet, poi, era composto da candide mini calle bianche, racchiuse in foglie autunnali di quercia, magnifico!

matrimonio estivo

Il matrimonio estivo di Irene e Andrea: la scelta dell’abito da sposa

Il mio abito, invece, è stato realizzato su misura da una bravissima sarta di Lecco: Odilia Todeschini.

La prima volta che sono stata al suo atelier mi ha accompagnata un mio caro amico, che me l’ha consigliata dopo che un’altra sua amica si era fatta cucire l’abito da lei.

Trovo che non sia nemmeno paragonabile la differenza tra un abito già confezionato e riadattato sulle proprie misure e un abito che viene creato apposta e solo per te.

Io sono stata in un grande negozio multimarche e ho provato una certa quantità di abiti, ma la maggior parte di essi non cadeva a pennello sulla mia figura e in ogni caso andavano rimaneggiati.

Io desideravo una forma semplice, con una gonna dritta e poco strascico, perché desideravo soprattutto essere comoda.

Il vestito che Odilia ha confezionato per me ha un aspetto romantico, secondo me molto adatto al matrimonio in villa e il pizzo del corpetto è prezioso e finissimo… ha riscosso davvero moltissimi complimenti.

Andrea invece ha acquistato il suo vestito da Demas, a Corsico, un grande negozio multimarca.

Ha scelto una giacca moderna col collo alla coreana e anche lui è rimasto soddisfatto della cortesia e capacità nel consigliare i tagli più adatti a lui del personale del negozio.

Per le foto, invece, abbiamo scelto Elena Figoli, suggerita da una nostra amica che l’aveva avuta per il suo matrimonio.

Il catering è stato senz’altro il punto focale del matrimonio estivo. Io desideravo che del servizio di ristorazione se ne occupasse un mio amico cuoco, Matteo Tettamanzi, fondatore di F**d Pauer e che al momento insegna per Cometa formazione.

Dopo la cerimonia all’aperto, è seguito l’aperitivo e il pranzo seduti, a cui hanno partecipato circa 100 invitati.

Abbiamo potuto godere del bellissimo giardino della villa per passeggiate, chiacchiere in compagnia e, come sottofondo, un gruppo jazz, i Bluklein, suonava dal vivo per noi.

I nostri amici, dopo il pranzo, ci hanno sorpreso con un ballo di gruppo e una canzone dedicata a noi, cantata da un caro amico cantante.

Credits

Abito da Sposa: Odilia Todeschini
Abito da Sposo: Demas
Location: Villa Gromo di Ternengo
Foto: Elena Figoli
Catering: Matteo Tettamanzi – F**d Pauer
Musica: Bluklein

Se anche voi, come loro, vi siete già sposati, oppure siete in procinto di convolare a nozze e volete raccontarci la vostra storia, scriveteci a redazione@panoramasposi.it, saremo felici di pubblicare i vostri racconti e le vostre foto.

Elisa Cornelli

Senior fashion editor

elisa.cornelli@panoramasposi.it

No Comments Yet

Commenta

NEWSLETTER

Cliccando su ISCRIVITI autorizzi al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs 196/2003 e dichiari di aver letto l'informativa privacy.

Vieni a trovarci anche su: