Abito da sposa rovinato, come essere risarciti dalla lavanderia

Vi siete sposate e il matrimonio è andato bene.

Tutto come desideravate: la torta, né troppo pannosa, né troppo burrosa; gli invitati, né troppo addobbati, né troppo trasandati; persino il drone perfetto sopra di voi a fare foto e video comeluinessunomai.

Allora, ancora trasognanti, tornate dal viaggio di nozze e accarezzate
l’abito da sposa, così pieno di pizzo e tulle svolazzante.
Poi lo ripiegate, lo imbustate e decidete di portarlo in lavanderia a futura memoria, perché immaginate la vostra figlioletta un giorno col pizzo e il tulle svolazzante, col drone in alto, con gli invitati addobbati, ma non trasandati e via via tutto il resto.

Abito da sposa

Ecco, in quel preciso momento ha inizio il male.

La lavanderia fa il suo dovere e va tutto bene: ancora il male sembra qualcosa di inarrivabile.

Ma voi non paghe chiedete alla lavanderia di riporre il vestito sottovuoto in una busta di cellophane rosa. Che poi ripasserete e lo riprenderete così impacchettato, per i posteri gaudenti.

Allora tornate – dopo quattro mesi – ché nel frattempo la vita coniugale vi aveva un po’ prese.

abito da sposa rovinato dalla lavanderia
Abito da sposa rovinato dalla lavanderia

Ed è allora che il male si avvicina.

Una volta a casa, in un momento di tenera nostalgia, aprite il cellophane rosa. E’ in quel preciso istante che il male vi assale e vi avvampa l’ugola, le gote, su su fino alle orecchie che diventano viola melanzana.

Ecco, di solito proprio quando state così sopraggiunge la legge a darvi sollievo e conforto. Dovete solo affidarvi a lei.

Abito da sposa rovinato, con la lavanderia c’è un contratto d’opera

Sì perché “il contratto mediante il quale taluno si impegna a tenere presso di sé degli abiti per darvi pulitura va considerato come contratto d’opera” – sentenzia la Cassazione.

In sintesi, sussiste un preciso obbligo di custodia che impone alla lavanderia di riconsegnare in qualsiasi momento l’abito da sposa in perfette condizioni, a prescindere dai cartelli appesi in negozio che invitano la gentile clientela a ritirare i capi entro venti giorni.

Allora sposa arrabbiata, sposa ristorata. Il danno costa oltre tremila euro di risarcimento del danno e la condanna alle spese del giudizio. (cfr. Tribunale di Roma, sentenza del 17 gennaio 2017 n. 675)

Ne avete diritto, è la legge bellezza.

Leggi tutti gli articoli della rubrica “Diritti all’altare

Marisa Marraffino

avvocato

legale@panoramasposi.it

No Comments Yet

Commenta

NEWSLETTER

Cliccando su ISCRIVITI autorizzi al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs 196/2003 e dichiari di aver letto l'informativa privacy.

Vieni a trovarci anche su: