Promessa di matrimonio, tutto quello che c’è da sapere

Promessa di matrimonio, come procedere? Spesso le giovani coppie in procinto di sposarsi sono totalmente ignare di tutti i documenti che ci vogliono per la promessa di matrimonio.

Ecco un articolo per illuminare le giovani coppie e per rendere loro più semplice questo passaggio che precede il matrimonio.

Promessa di matrimonio, quanto tempo prima organizzarsi

Sia che vi sposiate con rito civile sia religioso, la promessa di matrimonio è un atto civile obbligatorio che ufficializza il passaggio dallo stato di fidanzati a promessi sposi.

Inutile presentarsi negli uffici comunali con largo anticipo poiché per i documenti basteranno 3-4 mesi prima della data delle nozze.

Quali documenti sono necessari

Grazie ai servizi di posta elettronica certificata molti Comuni riescono in tempi brevi a procurarsi a distanza di poche  settimane tutti i documenti richiesti per la promessa di matrimonio.

Tutto quello che dovete fare è recarvi presso l’ufficio di stato civile del vostro Comune e riempire con i vostri dati e quello del futuro sposo il modello di autocertificazione per la richiesta dei documenti. Spesso i Comuni hanno i moduli scaricabili dal loro sito, come questo.

I documenti richiesti sono il vostro cumulativo di residenza e la copia integrale dell’atto di nascita di entrambi i coniugi e sarà compito dell’ufficiale di stato civile inviare le richieste d’ufficio.

Una volta  ricevuti i documenti richiesti l’ufficiale di stato civile comunica alla giovane coppia la possibilità di celebrare la promessa consegnando una copia dei documenti da rilasciare al parroco se  si è scelto di celebrare il matrimonio con rito religioso.

Cosa fare il giorno della promessa di matrimonio

Una volta consegnati tutti i documenti in Chiesa sarete liberi di fissare una data per la celebrazione della promessa da farsi preferibilmente sia in Chiesa che all’Ufficio comunale nello stesso giorno.

La promessa di matrimonio è il primo atto ufficiale che farete e si terrà sia per il rito civile che per quello religioso.

Ha valore giuridico ma non è vincolante.

Promessa di matrimonio

Ecco cosa succederà

Il giorno stabilito ci si reca in Comune e i futuri sposi dichiarano di volersi sposare liberamente davanti all’Ufficiale di Stato Civile, contestualmente procederanno a firmare la richiesta di pubblicazioni civili.

La marca da bollo da 16 euro

Molte coppie tendono a dimenticare questo passaggio, ma è opportuno sapere che se entrambi i coniugi sono residenti nello stesso Comune sarà necessario acquistare una sola marca da bollo da 16 euro diversamente ce ne vorranno due nel caso risiedano in due Comuni differenti.

Pubblicazioni 8 giorni non di più

Nel Comune di residenza (in entrambi se gli sposi sono di Comuni diversi) e sull’Albo pretorio online del sito internet istituzionale saranno affisse le pubblicazioni con le informazioni anagrafiche dei futuri coniugi e il luogo delle nozze.

Le pubblicazioni resteranno esposte per almeno 8 giorni al fine di rendere nota a tutti la volontà di volersi sposare.

Il matrimonio potrà essere celebrato dopo il quarto giorno dal termine delle pubblicazione ed entro il 180° giorno (oltre i 180 giorni il procedimento è da considerarsi non avvenuto).

Richiesta pubblicazioni matrimoniali, documenti da portare

  • Documento di identità valido (carta di identità o passaporto)
  • Marca da bollo da 16€ (per ogni avviso di pubblicazione)
  • Per gli stranieri: nulla-osta al matrimonio rilasciato dall’autorità straniera competente
  • Per contrarre matrimonio con il rito concordatario richiesta di pubblicazione di matrimonio rilasciata dal parroco

Promessa di matrimonio in Chiesa

Se si decide di officiare la promessa in Chiesa è comunque necessario un successivo passaggio in Comune per depositare la richiesta di pubblicazione rilasciata dal parroco e stilare un semplice verbale.

Tutto ciò può essere fatto, come già detto, da uno dei futuri sposi o da un loro delegato.

Alla scadenza dei termini necessari alle pubblicazioni l’ufficio di Stato Civile vi consegnerà il nulla osta.

Quindi potrete fissare la data del matrimonio civile oppure consegnare il nulla osta al parroco per procedere al matrimonio religioso.

Stranamente, non abbiamo mai avuto più informazioni di adesso, ma continuiamo a non sapere che cosa succede.

Papa Francesco

Marcella Eventi

Wedding Planner

weddingdiary@panoramasposi.it

No Comments Yet

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

NEWSLETTER

Cliccando su ISCRIVITI autorizzi al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs 196/2003 e dichiari di aver letto l'informativa privacy.

Vieni a trovarci anche su: