La scelta dell’abito da sposa, consigli low cost per essere al top

Pizzo, taffetas, tulle, mikado; a sirena o a principessa: dalle blasonate passerelle di moda fino alle riviste specializzate più glamour, donne eteree e quasi impalpabili avvolte nei loro abiti da sposa ci lasciano letteralmente sognare ad occhi aperti. E immaginarsi belle in abiti da sposa da sogno nel nostro giorno più speciale, ci fa volare in alto sulle ali della nostra fantasia. Che siate state bambine romanticone o un po’ più maschiacce, avrete sicuramente sognato, almeno per una volta, il momento di poter varcare la soglia di un prestigiosissimo atelier e finalmente provare un magnifico abito da sposa.

wedding-dresses-1486004_960_720

Ma quasi sempre il sogno si scontra crudelmente con la realtà.

Questi abiti da sogno, prodotti unici della nostra eccellenza sartoriale, purtroppo, sono appannaggio di poche fortunate le cui uniche perplessità, al massimo, riguardano la scelta del tessuto o del modello.

Per le altre, non resta che far quadrare i conti e andar alla gloriosa ricerca di un abito che faccia fare bella figura senza tante pretese.

Ma già dalle prime ricerche, sembra una missione impossibile: rinunce, rinunce e ancora rinunce! Vabbè – ci si ripete in testa – in fondo sarà solo per poche ore … mi accontento…

Non siate così pessimiste e arrendevoli!

Basso budget non significa necessariamente rinuncia, brutti abiti e spose scontente.

Seguendo alcune dritte e mettendo in pratica alcuni semplici consigli, si possono fare degli autentici affari e essere delle bellissime e soddisfattissime spose!

Budget, abiti e qualità. Primi consigli sull’abito da sposa low cost

Diciamocela tutta: il bello è bello e il lavoro sartoriale nostrano non conosce rivali.

Il prezzo di  un abito di alta moda  vale quello che si ha tra le mani, a patto che sia frutto di mani sapienti e competenti

Ma attenzione alle fregature, perché purtroppo in giro molti atelier multi e monobrand   propongono, a prezzi medio alti, abiti completamente… made in China di dubbia qualità!

E, francamente, fare i salti mortali per avere abiti del genere e magari dispiacersi per non poterli acquistare non ne vale la pena..

E allora, mie care future spose, come fare per conquistare l’abito da sposa giusto senza fregature e senza prosciugare il vostro conto in banca?

Primo consiglio: siate assidue frequentatrici delle fiere di settore a caccia di sconti e promozioni.

Io il mio abito da sposa da sogno l’ho trovato così, quasi per caso, girando fra uno stand e l’altro: periodo promozionale speciale fiera, appuntamento in atelier e… voilà, abito sartoriale su misura trovato e amato dal primo all’ultimo istante che l’ho indossato!

Senza questo colpo di fortuna, non avrei mai potuto ambire a tanto.

abito da sposa ,qualità low cost
Il mio abito da sposa in superpromozione, lusso e qualità low cost.

Secondo consiglio: tenete d’occhio quei  brand che magari si occupano di wedding con capsule collection in determinati periodi dell’anno.

Fra tutti, mi sento di consigliare Max Mara Bridal che riesce a coniugare qualità e eleganza in abiti da sposa a prezzi contenuti.

Terzo consiglio: se tutto questo non vi convince, ispezionate da cima a fondo gli  outlet degli abiti da sposa.

Date un occhio a quelli della vostra città e se trovate qualcosa di carino o di interessante, controllate che non sia un abito di prova in vendita o proveniente da sfilate o shooting fotografici. Per carità, nulla di male, ma controllatelo bene perché a volte potrebbe essere macchiato o rovinato. E chiedete sempre se le modifiche sartoriali sono incluse nel prezzo o meno.

Se il budget è sotto i mille euro

Ma se  il vostro budget è più esiguo rispetto a quanto proposto, allora non c’è che prendere in considerazioni soluzioni un po’ più estreme, che un tempo erano forse impensabili.

Il noleggio abito o l’acquisto dell’abito da sposa usato rappresentano delle valide alternative  che potrebbero finalmente risolvere la diatriba abito da sogno/budget.

E non scordiamoci che queste scelte rappresentano, non solo, un modo per risparmiare, ma anche  una valida soluzione anti-spreco in generale, dando nuova vita ad abiti che altrimenti sarebbero chiusi irrimediabilmente in un armadio.

E allora provate a dare un occhio a siti come  Weddalia o Drexcode che offrono  la possibilità di vedere foto reali degli abiti in vendita o di noleggiare  abiti da sposa per tutte le tasche e restituirli poi, con tutta comodità, al loro corriere di fiducia.

Ultima spiaggia, acquisti online e fai da te

Se l’idea di indossare un abito da sposa low cost usato, cioè di un’altra (qui l’articolo sulle Suore di Cascia che regalano abiti da sposa gratis), o peggio, il pensiero di doverlo dare indietro vi rattrista non poco, resta ancora un’altra strada percorribile: l’acquisto online.

Acquistare online non è per nulla facile e la probabilità di trovare delle vere e proprie fregature è molto alta. Ma facendo un po’ di attenzione si può trovare il vero affare. Di tutti i siti che vendono abiti on line, io mi sento di segnalare aliexpress e lightinthebox che, oltre ad una vastissima scelta di abiti, permettono di acquistare un abito da sposa con cifre anche al di sotto dei 100 euro.

Ovviamente scordatevi la qualità eccelsa e il taglio sartoriale italiano, ma per questi prezzi si può benissimo chiudere un occhio e provare.

Diciamo che sono abiti che, se va bene, fanno il loro figurone, ma nulla di più. Si possono trovare anche abiti ricamati che fanno scena, ma ovviamente si tratta , per la maggiore, di lavorazioni un po’ più grossolane su materiali sintetici.

Se cercate bene, però, qualcosa di carino  e ben fatto si può trovare e io ne sono la prova vivente. Il mio abito di cambio viene proprio da uno di questi siti e per un costo irrisorio, mi ha fatto sentire leggiadra e eterea come una dea.

abito da sposa low cost
Il mio abito di cambio low cost. Foto di Sebastian Tiba, “Belle foto di nozze”.

Quello che è fondamentale è controllare sempre i resoconti degli altri acquirenti che, con foto e commenti, vi danno un’idea chiara di come è realmente l’abito venduto. E non dimenticate mai di tenere in considerazione il fattore dazio e oneri doganali che possono essere applicati ogni qual volta il bene importato ha un costo superiore ai 22 euro.

Infine, visti i tempi biblici di spedizione, consiglio anche di ordinare moltissimo tempo prima in modo da poter ovviare ad alcune catastrofi sartoriali con la vostra sarta di fiducia.

Ma se gli acquisti online vi terrorizzano, allora, non vi resta che darvi  al fai da te.

No, state tranquille, non mi riferisco al cucire da sole l’abito, – la tradizione vuole che porti sfortuna – ma al disegnarlo così come lo avete sempre sognato.

E poi con la vostra sarta di fiducia o chi per lei, andate pure a scegliere i tessuti che più vi si addicono e vi colpiscono. Potrebbe essere entusiasmante e divertente e sarete certe di indossare un abito unico e solo vostro.

Ma a conti fatti, non si rischia di rinunciare ai propri sogni in nome del low cost? Non sarebbe meglio risparmiare su altro?

In altre parole: ne vale proprio la pena?

  • Io dico no, non ne vale la pena, se scegliere il low cost per voi significa rinunciare al vostro sogno.

Non c’è niente di più sbagliato che scegliere un abito solo in base al prezzo del cartellino.

L’abito deve piacervi almeno un po’, altrimenti rimuginerete sulla vostra scelta fino alla notte prima delle nozze. Quindi, in questo caso, vi consiglio di tagliare  altre voci di spesa e concentrate una percentuale di budget maggiore su un abito che vi piace davvero, compatibilmente con le vostre possibilità.

  • E invece, dico , se , per voi, il low cost va a braccetto con risparmio e soddisfazione.

Dipende da voi, quindi, e dalla percezione che avete delle vostre scelte.

In ogni caso, qualunque sia la strada che decidiate di percorrere, non disperate e ricordatevi che non è l’abito che fa la sposa, ma siete voi che, con il vostro portamento e le vostre scelte in fatto di trucco e acconciatura, valorizzerete tutto l’insieme.

E allora non mi resta che augurarvi buona fortuna e che la ricerca abbia inizio!

Stefania Boemi

nozze Fai da te e decor

diy@panoramasposi.it

Vieni a trovarci anche su: