Coppia senza soldi, gara di solidarietà per organizzare il matrimonio

anello nuziale nozzeVolevano coronare il loro sogno d’amore sposandosi dopo la nascita del secondo figlio ma non hanno i soldi per poterselo permettere. Così un’intera comunità si è mobilitata e ha aiutato una giovane coppia a realizzare il proprio desiderio, donando abiti, trucco, ricevimento, ed anche la location per il rinfresco del matrimonio.

E’ accaduto ad Acerra, nel Napoletano, dove sabato due giovani del posto, casalinga lei, lavoratore saltuario lui, hanno potuto coronare il loro sogno d’amore dopo anni di attese e speranze, grazie all’aiuto dell’intera comunità locale della parrocchia San Carlo Borromeo nella zona Pezzalunga.

Impegnati nell’aiuto anche il sindaco Raffaele Lettieri, che non ha voluto far mancare la propria presenza, al vescovo di Acerra, monsignor Antonio Di Donna, che, invece, ha voluto concelebrare la cerimonia nuziale e il battesimo del secondogenito della coppia, di appena due mesi, insieme con il parroco don Stefano Maisto. I neosposi frequentano la chiesa di don Stefano e da tempo avevano manifestato la volontà di convolare a nozze, ma avevano raccontato al parroco le proprie difficoltà economiche dovute alla mancanza di lavoro. Da qui la gara di solidarietà dell’intera comunità parrocchiale, che ha voluto contribuire donando tutto il necessario: trucco e acconciatura per la sposa, auto per il trasporto della coppia in chiesa, fiori per l’addobbo e per il bouquet nuziale, e vestitino per il battesimo del piccolo.

La comunità parrocchiale da mesi si stava preparando per donare agli sposi una festa indimenticabile, organizzando mercatini e acquistando anche il vestito per la giovane donna. E c’è stato anche chi ha aperto le porte di casa per offrire la location per il ricevimento nuziale e il battesimo del bambino, mentre pasticcerie, supermercati, caseifici e altri negozi di alimentari e bibite, hanno messo a disposizione la materia prima per gli chef che hanno preparato il menù della festa. Dagli antipasti ai due primi a base di gamberi e verdure, dal secondo di carne, alla macedonia di frutta. E per finire la torta nuziale e la piccola pasticceria. Dove non è arrivata la comunità, ci ha pensato la Caritas locale che ha coinvolto gli chef di alcune scuole alberghiere, da dove sono arrivati anche camerieri per servire il rinfresco e gli operatori della mensa diocesana.

“Le cose importanti nella vita familiare e parrocchiale sono queste – ha detto all’Ansa il vescovo Di Donna – come il desiderio di sposarsi, e per queste motivazioni così degne, la Chiesa non ha potuto far altro che essere presente e sostenere la dignità delle persone, con rispetto”.

Panorama Sposi

Web magazine sul mondo del wedding. mail: info@panoramasposi.it

No Comments Yet

Commenta

NEWSLETTER

Cliccando su ISCRIVITI autorizzi al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs 196/2003 e dichiari di aver letto l'informativa privacy.

Vieni a trovarci anche su: