Matrimonio e superstizioni, cosa fare e non fare prima delle nozze

Caro diario,

sono tante le credenze e le superstizioni che ruotano intorno al matrimonio e a chi non è capitato di chiedersi: “Che cosa succede se lo sposo vede la sposa il giorno prima delle nozze? E ancora, perché devo indossare quell’orribile giarrettiera?”.

Le origini di queste strambe superstizioni!

Il lancio della Giarrettiera – Questa tradizione, nasce nell’Europa del XIV secolo, dove si riteneva che ottenere un pezzo del vestito della sposa portasse fortuna, per cui gli invitati cercavano di procurarsene un po’.

Superstizioni matrimonio, la giarrettiera
Superstizioni matrimonio, il significato della giarrettiera

Nel XVII secolo per evitare che il vestito della sposa si rovinasse, gli invitati celibi dovevano impossessarsi delle giarrettiere della sposa fissandole poi al loro cappello, come segno di buona fortuna .

La tradizione vuole che sia lo sposo a sfilare la giarrettiera e lanciarla ad uno degli ospiti.

Una altra tradizione prevede che la giarrettiera venga fatta a pezzi dal marito e donata a più invitati mentre in alcune parti d’Italia è la cravatta dello sposo a essere tagliata a pezzetti e poi distribuita in cambio di piccole donazioni in denaro.

E se la sposa non indossa la giarrettiera?

In questo caso, si lancia la scarpa destra della sposa, sfilata direttamente da questa o da una delle sue damigelle o testimoni.
Inoltre, la ragazza che ha preso il bouquet deve ballare con il ragazzo che ha presso la giarrettiera.


Superstizioni matrimonio, cosa fare prima e dopo le nozze

  • La sposa deve cominciare la sua nuova vita con il piede giusto! Dovrà quindi, uscire di casa mettendo davanti prima il piede destro seguito da quello sinistro, un altro modo per attirare tanta fortuna e felicità.
  • Come simbolo di fertilità lo sposo può offrire alla sposa alla fine del rito una spiga di grano.
  • Dopo il ricevimento prima di entrare in casa lo sposo dovrà sollevare in braccio la sua sposa e attraversare così la soglia di casa. Questa tradizione ha origine da una credenza romana che fosse meglio per la moglie non inciampare entrando nella nuova casa.

Cosa non fare prima del matrimonio

  • Mai acquistare l’anello di fidanzamento e le fedi insieme, è considerato di cattivo auspicio.
  • È di cattivo augurio mettersi al dito la fede prima della celebrazione del matrimonio.
  • Se dovessero cadere le fedi in chiesa, andranno raccolte solo da chi celebra il rito
  • La sposa non si deve mai guardare allo specchio con il vestito da sposa il giorno del matrimonio; può farlo solo togliendo una scarpa, un orecchino o un guanto.
  • Il velo indossato dalla sposa è considerato più fortunato se donato da una sposa felice.
  • Lo sposo già uscito di casa per recarsi in chiesa non deve tornare sui propri passi, nel caso abbia dimenticato qualcosa di importante a casa, meglio far intervenire qualche amico in suo soccorso che possa prontamente rimediare tornando a casa al suo posto.
  • Infine, La Sposa e lo Sposo non devono vedersi prima della cerimonia

Quest’ultima tradizione deriva dai matrimoni combinati del lontano passato, quando il primo incontro tra la sposa e lo sposo avveniva il giorno del matrimonio.

I due venivano tenuti separati in modo che non si vedessero, per evitare che lo sposo si ritirasse qualora non avesse gradito una sposa poco avvenente.

La tradizione vorrebbe, inoltre, che l’abito da sposa rimanesse un segreto per lo sposo fino al momento del matrimonio: poiché le credenze popolari sostengono che porti sfortuna.

Questa usanza è sempre meno rispettata, basti pensare alla recente tendenza che si sta via via diffondendo in America, dove le future spose, si fanno accompagnare sempre più spesso dai futuri mariti a scegliere l’abito.

Tutte le leggi sono fatte da vecchi e da uomini. I giovani vogliono le eccezioni, i vecchi le regole.
(Johann Wolfgang Goethe)

Marcella Eventi

Wedding Planner

weddingdiary@panoramasposi.it

No Comments Yet

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

NEWSLETTER

Cliccando su ISCRIVITI autorizzi al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs 196/2003 e dichiari di aver letto l'informativa privacy.

Vieni a trovarci anche su: